Accoglienza diffusa e storie locali: una proposta progettuale

Finalmente ci siamo!

Come promesso, condivido con voi una parte della mia Tesi di laurea discussa lo scorso 17 aprile.

Si tratta di un estratto in cui troverete una proposta progettuale legata ai piccoli territori denominata Accoglienza diffusa e storie locali.

Accoglienza diffusa e storie locali

“Per Accoglienza diffusa e storie locali è da intendersi un sistema in grado di coinvolgere attivamente la popolazione residente di un piccolo territorio nell’accoglienza, nelle storie e nell’informazione locale relativa ai luoghi/beni di interesse di una destinazione. L’idea scaturisce dall’osservazione dei comportamenti di molti abitanti in piccoli borghi che spesso si prodigano nel dare spiegazioni e informazioni a quei pochi turisti di passaggio in un territorio, motivati dalla curiosità. Le persone residenti che si vedono coinvolte in certi atteggiamenti amichevoli, sono per lo più coloro che da anni hanno in carico la cura di un bene (soprattutto chiese) del borgo, a titolo gratuito, benché vi abitano nelle immediate vicinanze. Si occupano dell’apertura e della chiusura alla sera, della pulizia, dell’ordinaria e piccola manutenzione, ecc. e si mostrano felici e disponibili se qualcuno si avvicina loro per qualche piccola informazione. A mio avviso, detengono un patrimonio informativo immenso che diverge dalle classiche notizie storico-artistiche che si è in grado di trovare anche solo cliccando su Wikipedia, perché si tratta di persone nate e vissute in un preciso angolo di un territorio, conoscendone le peculiarità, le curiosità, le storie, in grado, quindi, di funzionare come mediatori culturali locali.”

Tutto il resto lo trovi nel documento, quindi,

CLICCA QUI,

twitta (o condividi su Facebook) e scarica gratuitamente il file!

18 commenti

  1. sarà un piacere immenso leggerlo!😀
    grazie per la condivisione!

    1. Sarebbe un piacere immenso arricchirlo coi i vostri commenti!🙂

  2. […] Puoi scaricare parte della mia tesi di laurea contenente una proposta progettuale legata ai piccoli territori CLICCANDO QUI. […]

  3. proprio in questi giorni sto discutendo con il mio professore della tesi… e vista la situazione/condizione in cui si trovano piccoli paesi come il mio era ed è proprio mia intenzione creare un qualche cosa/progetto che possa realmente essere utile per la storia ,cultura e folklore del mio territorio, Penso che la tua tesi mi sarà di grande aiuto .
    Vorrei prendere contatti direttamente con te/lei. Mi trovi su facebook Carmen medori

    1. Ciao Carmen,
      Per qualsiasi cosa, scrivimi pure per email: pasqualestroia@gmail.com😉

  4. ritasalvatore1 · · Rispondi

    Leggerò questa tesi con vivissimo interesse. Con l’Università di Teramo, il T.O. Wolftour, E.A.R.T.H. Academy, Mosaics Mediterranean ed altri partner sto portando avanti questo progetto di ricerca-azione sulla costruzione di itinerari turististici in area interna… http://abruzzolento.wordpress.com/ se sei in Abruzzo – ma anche se sei fuori🙂 – potremmo unire le forze per contribuire a riportare energie vitali in questa parte di Italia interiore. Contrats!

    1. Ciao Rita, ti ringrazio tantissimo per l’interesse. Mi fa davvero piacere.
      Ho immediatamente dato un’occhiata al progetto Abruzzo Lento e lo trovo interessante oltre che stimolante. Poter contribuire, per me, sarebbe un assoluto piacere. Grazie ancora🙂

  5. ritasalvatore1 · · Rispondi

    L’ha ribloggato su abruzzo LENTOe ha commentato:
    Una tesi di laurea davvero interessante da leggere

  6. […] Altri spunti di riflessione puoi trovarli scaricando gratuitamente un estratto della mia Tesi di Laurea: “Accoglienza diffusa e storie locali. Una proposta progettuale legata ai piccoli territori”. […]

  7. Antonio Cacciola · · Rispondi

    Non riesco a scarica tramite ipad

    1. Ciao Antonio, il sistema “Pay with a tweet” richiede il log-in a twitter o facebook per condividere il post prima dimpoter condividere il file. Se dovesse persistere il problema, scrivimi per email e ti invierò il file😉
      Grazie!

    1. Grazie Paolo! Spero che il lavoro possa essere da stimolo a nuove idee.

  8. “I localismi e i piccoli territori segnano l’Italia intera e insieme al patrimonio artistico e paesaggistico ne determinano l’identità facendone un museo a cielo aperto”.
    Solo per questa frase la tesi meriterebbe di essere letta!
    Condivido il tuo progetto.
    Vivo in una ridente cittadina di 50.000 abitanti, nella bella e soleggiata Puglia.
    Credo che anche per i medi comuni ci sia bisogno di un bel progetto turistico.
    Ops! Locale!
    L’aggettivo “turistico” comincia a starmi un po’ stretto anche a me😉
    Umanizzare il territorio, concepirlo non in base al prodotto ma ai valori, creare un’esperienza unica e irripetibile, fare sistema e fondere due mondi paralleli: passato e futuro, storia e web.
    Una rivoluzione culturale, insomma!
    E come per tutte le rivoluzioni sarà il tempo a rispondere.
    Abbraccio in toto l’idea di questo nuovo tipo di “fare_turismo”.
    Mi sto specializzando in questo settore dopo una laurea in economia.
    Continuerò a seguirti. E se in futuro ci sarà bisogno di collaborare a qualche progetto, chiamami e ci sarò!😉
    I due capitoli della tua tesi sono stati molto chiari ed esaustivi.
    L’originalità premia. Abbiamo bisogno di nuove idee per questa Italia.
    Salvarla valorizzando il nostro territorio e le terre in cui siamo nati è un obiettivo difficile ed ambizioso. Ma ce la faremo.
    E’ quasi una missione la nostra😉

    1. Caro Nico, che dire, le tue parole mi riempiono il cuore di gioia! Sono davvero felice di aver catturato l’attenzione di persone che ci credono così come ci credo io. Davvero mi sento emozionato! Commenti come il tuo sono per me come carburante per un motore a riserva🙂
      Crediamoci, modifichiamo gli approcci, costruiamo progetti sociali prima che turistici per assicurarci risultati durevoli.
      In bocca al lupo per i tuoi studi e ovviamente manteniamoci in contatto!😉
      Grazie ancora.

  9. La tesi presenta un titolo accattivante, i commenti mi introducono alla conoscenza di un bel progetto di ricerca-azione sulla costruzione di itinerari turistici in area interna, per contribuire a riportare energie vitali in questo tipo di area, in partnership con
    1) l’Università locale,
    2) un Tour Operator locale,
    3) la E.A.R.T.H. Academy = European Academy for Rural Tourism Hospitality
    4) il team Mosaics Mediterranean = costituito da una rete di partner con solida esperienza nella pianificazione e nella gestione del paesaggio (in Italia la LIPU).
    in abruzzo cfr http://abruzzolento.wordpress.com/
    Io mi occupo di viabilità storica e delle modalità per rianimarle, con azioni dal basso. Lieto di seguirvi!! auguri ragazzi

    1. Ti ringrazio tanto Matteo! Spero di soddisfare le tue aspettative e ti do il benvenuto!😉

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...